logo new new

Parte Guelfa Tamburino 1930Nel 1930, per onorare la memoria e le virtù civiche del condottiero fiorentino Francesco Ferrucci, nel quarto centenario della morte e della caduta della Repubblica, un comitato cittadino decise, dopo una rigorosa ricostruzione filologica, di far rivivere il calcio in costume, ispirandosi alla famosa partita del 17 febbraio 1530. Pertanto, organizzando la rievocazione veniva enfaticamente scritto dl settimanale Il Bargello del 4 maggio 1930: "Col suo gioco del Calcio Firenze soleva celebrare un tempo la festa della propria forza maschia e agile, della sua gente inquieta, combattiva, generosa, scaltra e assetata di vittorie: la Firenze del fascismo, anelante di tornare allo splendore di altri secoli, naturalmente torna al suo gioco". La manifestazione doveva servire anche, non solo a vanto e gloria di un fulgido passato e come richiamo turistico, ma sopratutto a rivendicare le origini di popolari sport quali il football ed il rugby allora emergenti.

Parte Guelfa Santa Maria Novella cavalieri fiorentini XIII secolo grandeSembra incredibile, ma ancora oggi la grande storia dell’arte torna in questo luogo a far parlare di sé. Grazie al lavoro congiunto di studiosi, di restauratori, del Fondo Edifici di Culto, dell'Opera per Santa Maria Novella, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, dell'Opificio delle Pietre Dure, del MIBACT e della Fabbrica di Palazzo Vecchio e di tutti i professionisti che hanno contribuito a vario titolo, oggi Santa Maria Novella si arricchisce di “nuove” opere d’arte che nascondono delle storie ancora inedite e tutte da raccontare che includono anche un afffresco recante i cavalieri di Firenze del XIV secolo. Dopo il grande evento di apertura degli “affreschi ritrovati”, si è assistito infatti ad un interesse straordinario da parte di un pubblico eterogeneo, dal più preparato ed appassionato al visitatore occasionale.

Parte Guelfa Gesù entra a GerusalemmeCari fratelli e sorelle, la Quaresima è un nuovo inizio, una strada che conduce verso una meta sicura: la Pasqua di Risurrezione, la vittoria di Cristo sulla morte. E sempre questo tempo ci rivolge un forte invito alla conversione: il cristiano è chiamato a tornare a Dio «con tutto il cuore» (Gl 2,12), per non accontentarsi di una vita mediocre, ma crescere nell’amicizia con il Signore.

Parte Guelfa Uccisione di Buondelmonte smallOgni cultura possiede i suoi miti per spiegare l’odio tra gli uomini. La cultura nella quale siamo immersi si affida al mito di Caino e Abele. Per quanta poca fiducia si possa avere nel genere umano, è un fatto che l’odio, diversamente dall’amore, necessita sempre di una spiegazione e di un colpevole. Ciò di cui parleremo è un mito sull’origine dell’inimicizia politica, dello spirito fazioso. Siccome si ambienta nella Firenze medievale e siccome ne ha parlato Dante, il mito ci è noto fin dai tempi della scuola. Gli antichi cronisti gli attribuirono la nascita dell’odio tra guelfi e ghibellini e in Italia non c’è scrittore che non vi faccia riferimento almeno una volta all’anno. Anche questo mito, ovviamente, ha il suo Abele – un giovane innamorato e biancovestito di nome Buondelmonte dei Buondelmonti – e il suo Caino – un nobile irascibile e altezzoso di nome Mosca Lamberti.

Parte Guelfa ministro Maurizio Martina capitano generale Andrea Claudio GalluzzoIl ministro per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina si è congratulato per le attività equestri e di tutela ambientale programmate dalla Parte Guelfa per l'annata 2017 ed ha assicurato la propria attenzione e partecipazione diretta in particolare per Fiorente 2017, la magnifica passeggiata urbana a cavallo prevista per Domenica 28 Maggio 2017 che permetterà a un gran numero di cavalieri e amazzoni di compiere un indimenticabile tour a cavallo nel centro cittadino di Firenze come avvenuto lo scorso anno. C'è inoltre la concreta speranza di realizzare una virtuosa collaborazione per tutelare e valorizzare al massimo le risorse forestali fiorentine anche attraverso le future attività ambientali della Parte Guelfa.

Parte Guelfa investiture 6 vestizione dama paola capecchi

giubileo 750

DONAZIONI

Parte Guelfa
IBAN
IT46 B061 6002 8711 0000 0001 015