logo new new

Parte Guelfa re magi 1Dal 1996 a Firenze è stata ripristinata un’antica tradizione della "Cavalcata de’ Magi”, fastosa ricorrenza celebrata con la sfilata del corteo storico per le strade cittadine. Ma quanta leggenda e realtà in questi affascinanti personaggi? Si racconta che nel 1390, un ricco mercante levantino che viveva a Firenze conosciuto come Baldassarre degli Ubriachi, istituì una sfilata di personaggi vestiti di stoffe preziose orientali. Tale celebrazione era anche dedicata a costruire una stretta alleanza fra le tradizioni Orientale e Occidentale. Fu nel 1417 che la parata divenne parte della tradizione fiorentina, tanto che la Signoria della Repubblica decise di istituire e sovvenzionare una confraternita chiamata “Compagnia dei Magi” o Compagnia della Stella”, composta da componenti come Poliziano, Landino, Acciaiuoli e molti altri umanisti che si riunivano nella chiesa di San Marco.

Parte Guelfa albero natale FirenzeL'Arciconfraternita di Parte Guelfa formula a tutti gli auguri di un Santo Natale vero, autentico, che sia un momento di grazia in cui si possa incontrare Dio che viene e bussa alla porta del nostro cuore. L'Altissimo porti la sua pace, la sua gioia, soprattutto il desiderio di fratellanza universale.
La Parte Guelfa è una comunità viva, laboriosa e sincera, che si apre alla missione ambientalista ed alla valorizzazione delle tradizioni. Un albero è vivo se dona frutti e la Parte Guelfa desidera continuare a “fruttificare” e invita ciascuno a fare la propria parte.
Auguriamo a tutti e a ciascuno un bellissimo Natale ed il miglior anno nuovo!

Parte Guelfa stemma legno su telo angioinoCon un rituale antico più di sette secoli tra il 23 ed il 24 Novembre si terranno a Firenze le Solenni Investiture di Parte Guelfa del 2018. Le Consorelle ed i Confratelli dell'Arciconfraternita di Parte Guelfa accoglieranno gli investendi, i nuovi Cavalieri e le nuove Dame di Parte Guelfa, giunti al termine di un magnifico percorso formativo e passati dall'esame di ammissione finale. Il programma prevede la tradizionale Veglia delle Armi presso la chiesa di Orsanmichele nella serata del prossimo Venerdì 23 Novembre che sarà preceduta dalla processione dei Cavalieri di Parte Guelfa con insegne, sigilli e icona di San Ludovico d'Angiò, Patrono della Parte Guelfa, che partirà dalla Chiesa di San Carlo dei Lombardi e raggiungerà Orsanmichele porgendo un saluto alle autorità ecclesiastiche in Piazza del Duomo.

Parte Guelfa Botticini Madonna con Bambino in trono tra san Girolamo san Francesco dAssisi santAntonio da Padova e san Ludovico di Tolosa. smallFrancesco d’Assisi nacque nel luogo che si trova tra i fiumi Topino e Chiascio e che scende dal monte Ausciano e degrada alla costiera del monte Subasio, dal quale, Perugia riceve il calore estivo e il freddo invernale dal lato di Porta Sole; dalla parte opposta del monte ci sono invece Nocera Umbra e Gualdo Tadino, in posizione svantaggiosa. Da questa costiera del monte, dove essa è meno ripida, ad Assisi, nacque un Sole per il mondo intero, Francesco, e come il Sole vero e proprio, sorge talvolta dal fiume Gange, all'equinozio di primavera, quando è più luminoso. Perciò, se qualcuno parla di quella città, non la deve chiamare Ascesi, Assisi, ma Oriente, poiché ha dato i natali al santo. Quindi per Dante, Francesco è l’Oriente, e con esso ha inizio un nuovo ciclo, colui che, nascendo con una “illuminazione” completa, potrà unire tutte le scuole.

Parte Guelfa Dragoni di Toscana uniformi toscane 1861 dettaglioI Dragoni prendevano il nome molto probabilmente dal nome della corta carabina di cui erano armati e si trattava soldati a cavallo a metà strada tra la cavalleria pesante e la leggiera e vennero molto impiegati nei secoli XVII e XVIII. Studiosi importanti collegano l'origine dei Dragoni agli Archibugieri a cavallo italiani del XVI secolo, introdotti in Francia dallo Strozzi nella prima metà del Cinquecento. Altri autori invece affermano che Giovanni dalle Bande Nere introdusse, fin dal 1520 circa, l'uso di trasportare i suoi archibugieri sopra ronzini di poco prezzo, dai quali smontavano per combattere. E da questo fatto deriverebbero i Dragoni.