logo new new

Parte Guelfa gonfalone università di FirenzeL'Università degli Studi di Firenze ha le sue origini nello Studium che la guelfissima Repubblica Fiorentina volle far nascere nel 1321. Sul gonfalone dell'Università di Firenze campeggiano per questo gli stemmi della Città, del Popolo e della Parte Guelfa di Firenze. Le discipline allora insegnate erano il diritto, civile e canonico, le lettere e la medicina. Come docenti furono chiamati molti nomi famosi: Giovanni Boccaccio fu incaricato di tenere lezioni sulla Divina Commedia. L'importanza dello Studium fu sancita da una Bolla di papa Clemente VI, con la quale furono riconosciuti e convalidati i titoli da esso rilasciati, gli furono estesi i privilegia maxima già concessi alle Università di Bologna e di Parigi, vi fu istituita la Facoltà di teologia. Nel 1364 con l'imperatore Carlo IV, lo studio fiorentino diventa università imperiale. I Medici, al momento del loro avvento al governo della Toscana, lo esiliarono a Pisa nel 1472: da quell'anno i trasferimenti diventarono frequenti, a seconda dei cambiamenti di governo. Carlo VIII lo riportò a Firenze dal 1497 al 1515 anno in cui, con il ritorno dei Medici lo Studium venne nuovamente spostato a Pisa.

Parte Guelfa drappo del fuoco santo 1La Parte Guelfa, dal 1478 in poi, provvedette ogni anno alla spesa per il cero “el quale si porta honorevolmente con chompagnia di molti preti e con le trombe”. Il cero venne stato poi sostituito dal portafuoco, opera devozionale di pregiata fattura che nel Sabato Santo il corteo storico della città viene a prelevare solennemente per l’accensione in Duomo del fuoco sacro e, con esso, del cero pasquale, simbolo della risurrezione di Cristo. Ad accompagnare il Portafuoco realizzato dalla Parte Guelfa, venne ricamato uno stendardo nei colori della Speranza, della Fede e della Carità: verde, bianco e rosso. Gli storici colori della Parte Guelfa e dalla seconda metà del XIX secolo in poi anche della bandiera nazionale italiana.

Parte Guelfa cavalcata delle panatenee Fidia PartenoneI potenti cavalli di Tessaglia furono protagonisti sotto le mura di Troia guidati da intrepidi achei su sofisticati carri da combattimento e vennero abbondantemente documentati nell’Iliade, opera ascrivibile al IX secolo avanti Cristo narrante le gesta della guerra di Troia, combattuta nella tarda età del bronzo, tra la fine del XIII e l’inizio del XII secolo. Con gli equidi, negli scontri tra carri e nelle gare di velocità negli ippodromi, furono valorosi eroi gli aurighi. Celebre il caso di Ettore il quale dovette cambiar auriga per ben tre volte, perché nello scontro i cocchieri perdevano la vita più facilmente del guerriero che montava sul carro in posizione più protetta e si scontrava con l’avversario ben protetto dalla corazza e dallo scudo.

Parte Guelfa araldica fiorentina small

L'illustrazione dell'Araldica della Città di Firenze curata dall'Arciconfraternita di Parte Guelfa e ospitata dall'Opera di Santa Maria del Fiore presso il Centro Arte e Cultura in Piazza San Giovanni 7 nel cuore di Firenze, sarà protagonista del racconto  di Luciano Artusi e Riccardo Mugellini il prossimo Sabato 28 Aprile 2018 quando si terrà la quinta sessione aperta al pubblico del Corso Formativo 2017/2018 propedeutico all’ammissione all’investitura 2018. Coloro che non hanno ancora compilato i moduli di adesione potranno farlo durante le sessioni formative.

Parte Guelfa Giano della BellaAll'interno del sistema venoso pulsante di strade e vicoli, in cui ogni momentanea ombra tremolante di debolezza e sconfitta contiene un'eternità raggiante di dignità e splendore, il labirinto leonino di Firenze duecentesca si vide sottomesso e stordito dal ruggito rauco di un regime riottoso: ivi, il diluvio di fiamme del feudo dispotico inonda il popolo con un'arida abrasività, come Federico di Antiochia, installato come Podestà della città dal suo padre, Imperatore Federico II - le tracce della cui tirannia tenebrosa sono bruciate nella pelle della storia nella testemonianza della profeta e mistica francescana, Umiliana de'Cerchi, con tutta la acutezza abbagliante del suo reliquiario d'argento dalle mani di Lorenzo Ghiberti a Santa Croce - affonda i suoi artigli nel terreno fertile della Toscana.